Autunno in tavola: Il castagnaccio, una tradizione da gustare

Home » News » Autunno in tavola: Il castagnaccio, una tradizione da gustare

Presentazione

Il castagnaccio è un dolce tradizionale della Toscana, la cui origine risale al 1500 grazie all’inventiva di un cuoco lucchese di nome Pilade. In seguito, questa delizia si diffuse al di fuori dei confini toscani, raggiungendo l’Emilia Romagna, il Piemonte, la Liguria e la Campania.
Oggi questo dolce si prepara in quasi tutte le regioni italiane, con varianti che prevedono l’aggiunta o l’eliminazione di alcuni ingredienti.
Il castagnaccio è un dolce tipicamente autunnale, il cui ingrediente principale è la farina di castagne.
La ricetta originale prevedeva pochi ingredienti, ovvero farina di castagne, rosmarino, olio e acqua.
Col passare del tempo, invece, è stata arricchita con l’aggiunta di uva passa e pinoli, ma anche, a seconda dei gusti e delle preferenze personali, di noci e di scorza d’arancia.

Dosi e tempi di preparazione

  • Dosi per: 4 persone
  • Tempo di preparazione: 35 minuti
  • Tempo di cottura: 45
  • Complessivamente: 1h 20m

Valori nutrizionali per una porzione di castagnaccio

  • Calorie: circa 150-200 calorie
  • Proteine: circa 2-4 grammi
  • Grassi: circa 1-3 grammi
  • Carboidrati: circa 30-40 grammi
  • Fibre: circa 4-6 grammi
  • Zuccheri: circa 5-10 grammi
  • Sodio: meno di 5 milligrammi

Ingredienti

  • 350 g di farina di castagne setacciata
  • 8 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 50 g di zucchero semolato
  • 100 g di uva passa
  • 100 g di pinoli
  • 0,4 l di acqua fredda
  • 2 rametti di rosmarino
  • 1 pizzico di sale

Preparazione del castagnaccio

  1. Per preparare il castagnaccio occorre innanzitutto far aromatizzare il rosmarino nell’olio, che deve essere fatto riscaldare appena appena in un tegamino.
  2. Lascialo quindi in infusione per una decina di minuti scarsi.
  3. Nel frattempo fa’ ammollare l’uva passa in acqua tiepida per una mezz’oretta.
  4. Passa al setaccio la farina di castagne e versala in una zuppiera, aggiungendo acqua fredda fino a ricavare un composto liscio, uniforme e privo di grumi.
  5. Unisci adesso l’olio aromatizzato caldo (tenendone da parte una piccola quantità), lo zucchero e una presa di sale.
  6. Amalgama il tutto unendo 70 g di pinoli e 70 g di uva passa ammollata in precedenza che dovrà essere convenientemente strizzata.
  7. Ungi una teglia rotonda da 26 cm di diametro con l’olio aromatizzato e versaci di sopra il composto del castagnaccio. Lo spessore non dovrebbe superare un centimetro di altezza.
  8. Versa sul composto il restante olio unitamente agli aghi di rosmarino, ad altra uva passa e ai pinoli.
  9. Inforna a 180° in forno preriscaldato e lascia cuocere per circa tre quarti d’ora.
  10. A cottura ultimata, estrai la teglia dal forno, fai raffreddare e servi infine il castagnaccio in tavola per la consumazione.

Abbinamento

Per abbinare un vino al castagnaccio, puoi optare per un vino liquoroso o un vino da dessert, poiché il castagnaccio ha un sapore dolce e terroso che si sposa bene con questi tipi di vino. Ecco alcune opzioni:

  1. Vin Santo: Questo vino da dessert italiano è noto per il suo sapore dolce e ricco con note di noci e frutta secca. È un abbinamento classico per il castagnaccio.
  2. Moscato d’Asti: Questo vino italiano è dolce, frizzante e aromatico, con note di pesca, albicocca e fiori bianchi. La sua dolcezza contrasta bene con il sapore del castagnaccio.
  3. Passito di Pantelleria: Un altro vino dolce italiano, fatto con uve passite, che offre un profilo aromatico e un sapore ricco e complesso.
  4. Vin de Paille: Questo vino francese da dessert è noto per la sua dolcezza e le note di frutta secca, miele e spezie, che si abbinano bene con il castagnaccio.

Come conservare il castagnaccio

  1. Conservazione a temperatura ambiente: Puoi conservare il castagnaccio a temperatura ambiente in un contenitore ermetico o avvolto in pellicola trasparente. Assicurati di tenerlo in un luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di calore e umidità. Il castagnaccio rimarrà fresco per 2-3 giorni.
  2. Conservazione in frigorifero: Se preferisci prolungare la freschezza del castagnaccio, puoi conservarlo in frigorifero. Mettilo in un contenitore ermetico e coprilo con pellicola trasparente. Il castagnaccio conservato in frigorifero può durare fino a una settimana.

La tua avventura culinaria con Misto Frigo: Il castagnaccio

In conclusione, il castagnaccio è un delizioso dolce tradizionale italiano, ricco di storia e sapori autunnali.
Con la sua consistenza densa e il sapore caratteristico delle castagne, rappresenta una prelibatezza da gustare durante la stagione fredda.
Prepararlo è un omaggio alla tradizione culinaria italiana, e la sua semplicità lo rende accessibile a tutti.
Speriamoo che tu possa apprezzare questo dessert rustico, magari accompagnato da una tazza di buon vino rosso o una tazza di tè caldo, mentre ti riscalda il cuore nei giorni più freddi. Buon appetito!

Altre ricette gustose


Se ti è piaciuta questa ricetta, non dimenticare di condividerla sui tuoi canali social e di lasciare un commento qui sotto!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *